Passa ai contenuti principali

Herself - album raffinato che arriva da lontano, molto lontano...

Una camera in affitto al quinto piano, una distesa di tetti, la pioggia che scivola sul vetro della finestra, il freddo invernale fuori e il calore intimo all’interno.


recensione herself

by Manuel aka ilSantoalContrario


 E’ questa una delle migliori atmosfere in cui ascoltare "Herself", il quarto album ufficiale dell’omonima, splendida creatura artistica del palermitano Gioele Valenti. L’album scorre dall’inizio alla fine in modo del tutto fluido, quasi come non ci si accorgesse del procedere delle tracce, con suoni liquidi e aerei, carichi di echi, sporchi quanto basta per farli apparire quasi perfetti. Le canzoni di "Herself" sembrano essere quelle “creature divertenti” della terza traccia dell’album, sono loro a galleggiare nella stanza e a riempire lo spazio vuoto. A riempirlo con le musiche e le parole, che si amalgamano formando un universo sonoro e lirico in cui perdersi e ritrovarsi. Per rendere l’idea di che tipo di universo lirico è caratterizzato l’album, basta pensare alla splendida “Tempus fuggit”, in cui la luce di una stella cadente è in realtà un aereo che precipita al suolo. 

Questa e tante altre sono le immagini che colpiscono all’ascolto di quest’album, i cui testi affiorano tra le note con una voce spesso sussurrata e filtrata, assumendo forme melodiche che incastrano le parole in modi per niente scontati. L’universo sonoro è ancora più complesso. Chitarre acustiche sempre presenti, con qualche distorsione che si intromette senza però dare fastidio, note di basso continue che non diventano mai invadenti, archi che appaiono come naturale estensione delle sonorità principali e tanti altri suoni che arricchiscono i singoli brani senza farli mai cadere nell’esagerazione. Perché se poveri sono i mezzi di produzione utilizzati per registrare il disco, quest’ultimo è certamente ricco di emozioni e sensazioni, che contiene al suo interno e che riesce dolcemente a contagiare all’ascoltatore. Merito della ricchezza dei suoni è anche delle due collaborazioni che si ritrovano all’interno del disco, vale a dire quelle di Amaury Cambuzat (Ulan Bator), presente in “Sugar free punk rock” e “How you killed me” oltre che curatore del mastering del disco, e di Marco Campitelli (The Marigold) in Something in this house” e “Passed away”.

E’ dunque un album raffinato, delicato, concepito e realizzato al meglio, che dà la sensazione di qualcosa che arrivi da lontano, molto lontano e che invece è proprio qui vicino.

Manuel aka ilSantoalContrario





Commenti

Post popolari in questo blog

The Chimps - nel nome dell'Indie's Attitude

Non sono molte le band in giro che emettono una così grande passione per l’indie come i The Chimpsband originaria della provincia siracusana. 
byB.B.(Non sono Bridgitte!)

Indie's Attitude- Eh si...Lo si capisce ascoltando le loro canzoni, ma anche semplicemente leggendo quello che i ragazzi hanno da dire e condividere nelle comunità virtuali e reti sociali sparse nel mastodontico mondo multimediale che corrisponde al nome delle tre w. Troverete per esempio i due EP dei The Chimps "Road To" (2007) e "Right At Your Door" (2012) insieme ad altro materiale da ascoltare gratis sulla loro pagina ,e se vi dovesse  capitare di andare a vederli live, i The Chimps vi regaleranno la spillina “che riporta la memoria di chi scrive alla fine degli Anni '70 quando le badge da collezionare sui giubbotti chiodo o sul bavero delle giacche era un modo per dire Io ascolto musica diversa”. Forse non sembrerà niente di speciale, ma l’attitudine fa parte del immagine di una band e…

Perfect Crime Band: energici, potenti e precisi!

Palermo Rock: questa settimana  ad uccidere la nostra monotonia, ci pensa una band palermitana di tutto rispettto. E' la volta dei Perfect Crime - by M.Bellotto
Palermo - I Perfect Crime sono una band tutta d'un pezzo, energici, diretti con suoni potenti e precisi. Le atmosfere sono quelle tipiche del rock più puro con una chiara vocazione  di origine statunitense nel loro passaporto; songs intrise di belle melodie e arrangiamenti sicuri sono le prime caratteristiche notabili dei kids siciliani. Fabio Pace, ottimo singer , incastra perfettamente le melodie della band con il tessuto ritmico originale dei brani : i loro pezzi  sono classici ma piacevoli, orecchiabili ma mai scontati. "Desire of Justice" è una traccia cha va ascoltata  assolutamente col finestrino abbassato e a tutto volume; è un atmosfera da spensierati e  magari  quel giorno si è in viaggio verso l'ovunque ....si si mi sembra proprio una colonna sonora adattissima ad una partenza! .... Le tracks su…

Palermo Rock: l' estrema sincerità dei Tamuna

Questa settimana una nuova band dalla Sicilia nella nostra redazione di Palermo Rock: è la volta dei Tamuna
Tamuna : ovvero portatori di pace, secondo la lingua georgiana. I cinque musicisti che compongono la band (Marco Raccuglia, Giovanni Parrinello, Charlie Di Vita, Manlio Messina e Ciccio Baldizzi) hannoscelto questo nome in quanto espressione di un concetto più che mai attuale: pace come bisogno di far parte di qualcosa, di vincere insieme, di difendere i colori e i sapori della loro amata madre terra, la Sicilia.La band ama identificarsi come unione di intenti e collaborazione tramite cui trovare la forza per creare costantemente nuova musica.
Con un mix di dialetto siciliano, lingua italiana e inglese, i Tamuna si fanno manifestazione variegata di generi musicali, grazie all'influenza che pop,reggae, blues,e folk esercitano sui loro lavori. Il primo disco, uscito da poco, "Sicily World Music", ed in particolare il primo singolo da esso estratto, "Ciuscia&qu…