Passa ai contenuti principali

Herself - album raffinato che arriva da lontano, molto lontano...

Una camera in affitto al quinto piano, una distesa di tetti, la pioggia che scivola sul vetro della finestra, il freddo invernale fuori e il calore intimo all’interno.


recensione herself

by Manuel aka ilSantoalContrario


 E’ questa una delle migliori atmosfere in cui ascoltare "Herself", il quarto album ufficiale dell’omonima, splendida creatura artistica del palermitano Gioele Valenti. L’album scorre dall’inizio alla fine in modo del tutto fluido, quasi come non ci si accorgesse del procedere delle tracce, con suoni liquidi e aerei, carichi di echi, sporchi quanto basta per farli apparire quasi perfetti. Le canzoni di "Herself" sembrano essere quelle “creature divertenti” della terza traccia dell’album, sono loro a galleggiare nella stanza e a riempire lo spazio vuoto. A riempirlo con le musiche e le parole, che si amalgamano formando un universo sonoro e lirico in cui perdersi e ritrovarsi. Per rendere l’idea di che tipo di universo lirico è caratterizzato l’album, basta pensare alla splendida “Tempus fuggit”, in cui la luce di una stella cadente è in realtà un aereo che precipita al suolo. 

Questa e tante altre sono le immagini che colpiscono all’ascolto di quest’album, i cui testi affiorano tra le note con una voce spesso sussurrata e filtrata, assumendo forme melodiche che incastrano le parole in modi per niente scontati. L’universo sonoro è ancora più complesso. Chitarre acustiche sempre presenti, con qualche distorsione che si intromette senza però dare fastidio, note di basso continue che non diventano mai invadenti, archi che appaiono come naturale estensione delle sonorità principali e tanti altri suoni che arricchiscono i singoli brani senza farli mai cadere nell’esagerazione. Perché se poveri sono i mezzi di produzione utilizzati per registrare il disco, quest’ultimo è certamente ricco di emozioni e sensazioni, che contiene al suo interno e che riesce dolcemente a contagiare all’ascoltatore. Merito della ricchezza dei suoni è anche delle due collaborazioni che si ritrovano all’interno del disco, vale a dire quelle di Amaury Cambuzat (Ulan Bator), presente in “Sugar free punk rock” e “How you killed me” oltre che curatore del mastering del disco, e di Marco Campitelli (The Marigold) in Something in this house” e “Passed away”.

E’ dunque un album raffinato, delicato, concepito e realizzato al meglio, che dà la sensazione di qualcosa che arrivi da lontano, molto lontano e che invece è proprio qui vicino.

Manuel aka ilSantoalContrario





Commenti

Post popolari in questo blog

Il puro punk 77 dei The Twinkles ritorna con il nuovo album We Come Along

“We Come Along”, il nuovo album degli storici punkers veneti capitanati dall'attivissimo Nick Mess, è ormai alle porte. 10 “anthem” che restano impressi nella mente racchiusi nel filone dell'omonimo singolo e nel suo importantissimo messaggio: “Spazio e possibilità di suonare a chi crea musica propria”. 

Genere: punk 77  Label: Rocketman Records  Distribuzione digitale: Tunecore 

Streaminghttps://open.spotify.com/album/3q0KkA1zm10pbncg0DgAR3

Il nuovo album dei The Twinkles contiene 10 brani nel classico stile della band, puro punk 77 ricco di melodie e cori sensazionali che fanno tornare in mente formazioni come Boys, Ramones, Undertones, Vibrators, Cock Sparrer, Skids, 999.
10 anthem che restano impressi nella mente racchiusi nel filone del singolo “We Come Along” e nel suo importantissimo messaggio: “Spazio e possibilità di suonare a chi crea musica propria”. Non è un caso che anche l’album abbia lo stesso titolo “We Come Along”, proprio per rendere forte e chiaro ciò che la ban…

L' indie-pop dei The Shapes , band palermitana in recensione

The Shapes, band palermitana formatasi nel 2011, possono essere considerati la perfetta espressione della corrente indie-pop che negli ultimi anni ha contagiato un numero considerevole di band provenienti dal Regno Unito e non solo:chitarre acustiche diffuse, ritornelli orecchiabili e linee vocali semplici e pulite sono certamente tra gli elementi tipici della produzione musicale dei The Shapes, che al momento contano un solo EP completo intitolato “Tea Time Dreams‘n Coffee Wishes” uscito nel 2011.di Alice Bevilacqua
Il genere musicale scelto ha permesso loro di vedere alcuni brani come 'Hope' trasmessi in radio estere come la 'All.fm' di Manchester e la 'Krystal Radio' di Londra, oltre che assicurare alla band un discreto seguito su social network di diffusione musicale come 'Soundcloud'.L'ultimo videoclip prodotto dalla band, 'Daylight #2' canzone contenuta nel primo EP – è stato inoltre trasmesso sul canale Mediaset Italia 2 durante la p…

Mauro Pina feat. Francesca Alotta - "Anima sola"

Il duetto fra il cantautore e musicista comasco e l'interprete di “Non amarmi” è una ballad melodica ed emotivamente coinvolgente.
Genere: pop, rock, folk, cantautorato Label: autoproduzione
Spotifyhttps://open.spotify.com/album/1IjcoUt7Ngkzo7Mhesgyu6
Dopo anni di lontananza dai riflettori torna a splendere la voce di Francesca Alotta in un brano che la vede affiancarsi al cantautore Mauro Pina, che negli ultimi mesi ha raccolto consensi con l’album “L’ho scritto io”. Un pezzo dove le due calde vocalità degli artisti si mescolano a perfezione in un connubio risolto in una ballad melodica italiana emotivamente coinvolgente. Il singolo era stato presentato alle selezioni di Sanremo 2018.


BIOGRAFIA Mauro Pina Mauro Pina (nato a Erba (CO) - l’11 giugno 1966) è un cantautore, polistrumentista e paroliere italiano. Il suo genere musicale spazia tra pop, rock & roll e soft rock. Compone interamente le sue canzoni suonando personalmente tutti gli strumenti (percussioni, basso, chitarra, pia…